#smipeople_Luigi Porcu

Quando ero piccolo il mio più grande sogno era quello di diventare un calciatore professionista. Il giorno in cui l’Empoli Calcio mi ha ingaggiato avevo 13 anni. Ero molto giovane e la vita mi metteva di fronte a sfide importanti: la lontananza della famiglia, i ritiri, la scuola da conciliare con gli allenamenti. È stata sicuramente un’esperienza che mi ha formato e ha contribuito a consolidare il mio carattere. Nel 1998 qualcosa cambia. Una serie di infortuni mi hanno costretto ad abbandonare il calcio professionistico: un trauma. Grazie all’incoraggiamento di mio padre mi sono rialzato e ho cominciato ad affacciarmi nel mondo del lavoro sino ad entrare come borsista presso un’azienda. Da lì è iniziato un nuovo capitolo della mia vita.

Ho cominciato a lavorare come tecnico hardware e, proprio nel corso di questa lunga esperienza, ho conosciuto Cesare Pizzuto. Cesare è per me una figura molto importante, che va ben oltre il lavoro. Ci conosciamo ormai da diversi anni e posso dire che, oltre ad avere un ottimo rapporto lavorativo, siamo legati anche da una bellissima amicizia. Cesare ha creduto in me quando pochi erano disposti a farlo. Ha capito come valorizzare la mia professionalità, portandomi verso il ruolo che ricopro tuttora: tecnico di presidio. Si tratta di una posizione che richiede soprattutto la capacità di assumersi delle responsabilità, cosa che un tempo non ero in grado di fare. Oggi posso finalmente dire il contrario.
Amo ciò che faccio e lavoro molto. Le mie giornate sono davvero intense: ho una moglie, sono papà ma, nonostante questo, cerco sempre di ritagliare un po’ di spazio anche per me. Nel tempo libero corro oppure vado in bicicletta. D’altra parte, lo sport rappresenta da sempre un aspetto fondamentale della mia vita. Ha fatto parte del mio passato, ma gioca un ruolo altrettanto importante nel mio presente, influenzando anche il mio atteggiamento sul lavoro.

Se oggi sono come sono, una persona spiritosa, scrupolosa, ma soprattutto grintosa, lo devo anche al calcio. Non mollo mai e in azienda do tutto me stesso, cercando sempre di migliorarmi e crescere giorno dopo giorno. Sono contento di lavorare in un settore dinamico e in cui non si finisce mai di imparare, ma soprattutto mi piace far parte del mondo SMI.
Per me questa azienda non è soltanto una grande società, ma anche una bellissima famiglia. Sono orgoglioso di esserne membro e di condividere i risultati positivi con tutto il team. Quando riesco a soddisfare un cliente sento di essere felice, non solo per me stesso, ma soprattutto perché si tratta di un nuovo traguardo raggiunto da tutta la squadra.

LUIGI

#eotf_dicembre2020

Siamo nel pieno delle vacanze natalizie e quest’anno più che mai trascorreremo gran parte del nostro tempo libero a guardare film e serie tv. D’altra parte l’offerta non manca, considerando le numerose piattaforme in grado di offrire ampi cataloghi di commedie, programmi e serie di ogni genere. Netflix è una fra queste e senza dubbio una delle più amate dagli utenti. Le serie tv finanziate e trasmesse da questa piattaforma sono infatti quasi sempre prodotti di grande successo, riuscendo a incontrare il gradimento di un numero davvero molto ampio di persone. In realtà non si tratta di fortuna né di semplice casualità, ma di una vera e propria pianificazione che ha origine dall’analisi dei Big Data. A differenza di quanto accadeva in passato con le grandi produzione televisive, aziende come Netflix hanno infatti a disposizione un’enorme mole di informazioni sui propri utenti.

Si tratta dei Big Data, che offrono una panoramica sui comportamenti e i gusti degli spettatori in maniera precisa e dettagliata. In particolare, Netflix ha dichiarato di fare affidamento ad un meccanismo che prende il nome di “transfer learning”, ovvero un sistema di apprendimento automatico che consente di trasferire quanto appreso su un determinato target ad un nuovo pubblico potenziale. Per le varie tematiche trattate viene creata una “mappa di similitudine” tramite l’intelligenza artificiale, che tiene conto di metadati, tag e riassunti che, a loro volta, consentono di determinare collegamenti tra le varie serie e catalogarle.

Si tratta perciò di uno strumento di marketing dalle grandi potenzialità, grazie al quale è possibile conoscere in anticipo le probabilità di successo di una serie tv. Un potere enorme, che sta chiaramente cambiando anche lo scenario delle serie televisive. Se una volta infatti erano le analisi di mercato a guidare le scelte, adesso è l’intelligenza artificiale a decretare quale serie non sarà finanziata e quale invece finirà sui nostri schermi. Non solo, le nuove tecnologie riescono a monitorare ogni azione dell’utente: tutto è controllato e analizzato, dall’accensione alla messa in pausa. Sembra inoltre che si stia lavorando anche per capire quali colori, suoni e scenari siano maggiormente in grado di colpire le persone.  

L’obiettivo è raccogliere una mole di dati sempre più consistente così da offrire al marketing risorse preziose per conoscere e anticipare i gusti del pubblico. D’altro canto, a lungo andare, questo sistema potrebbe ridurre i margini di creatività della regia e della sceneggiatura, dando vita a prodotti molto simili e privi di originalità. Insomma sono ancora molti i dubbi e le domande a riguardo, ma una cosa è certa: l’influenza dei Big data sulle serie tv rappresenta una rivoluzione ormai in atto. Solo il tempo ci permetterà di capirla e interpretarla al meglio, consentendoci di vedere con maggiore chiarezza e lucidità tutti i vari benefici e potenziali rischi.     

Fonte: https://www.macitynet.it/netflix-usa-lintelligenza-artificiale-per-capire-i-nostri-gusti-e-finanziare-serie-di-sicuro-successo/

#natale2020_SMI Roma Volley

A pochi giorni dal Natale SMI ha incontrato Antonello Barani, presidente della SMI Roma Volley, e ha scelto di accoglierlo nelle sale di COSMICO. Si tratta del nuovo spazio creativo che l’azienda ha voluto creare per dare modo ai dipendenti di coltivare le proprie passioni e giocare insieme.

Un nuovo modo per alimentare quello spirito di squadra che risulta decisivo per vincere e raggiungere nuovi traguardi. D’altra parte l’azienda, proprio come una squadra sportiva, ha bisogno di un gruppo unito e capace di mettere in campo la giusta strategia. Non a caso SMI è main sponsor della SMI Roma Volley, la prima squadra di pallavolo della capitale.
Un connubio che nasce dalla condivisione degli stessi valori e dalla convinzione che solo lavorando insieme è possibile mettere a segno i punti vincenti, raggiungendo obiettivi importanti.
Questa stessa strategia è portata avanti anche dalla SMI Roma Volley, una squadra ormai in serie A ma sempre pronta a tagliare nuovi importanti traguardi.

Le parole di Cesare Pizzuto, General Manager SMI: “E’ un connubio che a noi piace. L’idea che un’azienda come la nostra supporti e viva insieme a una squadra di pallavolo, uno sport che amiamo, le cui caratteristiche essenziali sono così legate, unite a quella che è una strategia dell’azienda. La pallavolo è forse l’unico sport di squadra in cui è la squadra che vince. Ogni punto è caratterizzato da uno schema che coinvolge più elementi della squadra. Non solo, il team vince senza combattere fisicamente con gli avversari, ma vince con la strategia”.

Le parole di Antonello Barani, Presidente della SMI Roma Volley: “Ringrazio ancora Cesare e Stefano per il supporto che danno alla nostra squadra da anni. La pallavolo è uno sport di squadra, di strategia e di tattica se ne fa tantissima. Il connubio fra SMI e la Roma Volley nasce proprio dalla volontà di mettere insieme la filosofia della squadra e la strategia per raggiungere un obiettivo. Se siamo in Serie A è anche grazie a loro. La cosa più bella è che abbiamo creato una squadra insieme e insieme portiamo avanti strategicamente questo lavoro”.

Le parole di Stefano Tiburzi, CIO di SMI: “Abbiamo detto che lo sport è strategia, è gioco di squadra e passione. Oggi accogliamo con piacere i ragazzi in questo luogo dove noi cerchiamo di coltivare le nostre passioni e quelle di tutti i colleghi. Era fondamentale avervi qui con noi perché queste passioni coincidono con le nostre e continueranno a unirci nel tempo.”        

#smitalks_Giovanni Lai

Responsabile Commerciale della “Biondi Santi” e docente FIS, Giovanni Lai ci offre uno sguardo interessante sui cambiamenti e sull’impatto che le nuove tecnologie stanno avendo nella gestione delle aziende vinicole.

L’imprenditore agricolo odierno lavora sicuramente in modo molto diverso rispetto a qualche anno fa. Se prima era l’istinto a guidare la scelta, adesso è il software a fornire un supporto strategico. L’uomo resta al centro, ma grazie ai dati e alle informazioni fornite dalle nuove tecnologie, è in grado di programmare e pianificare la produzione come mai era successo. Una vera e propria rivoluzione dei processi che ha portato e porterà anche in futuro significativi miglioramenti nella gestione dell’azienda vinicola. E non è tutto. Giovanni ci racconta anche l’impatto che il digitale ha avuto sull’organizzazione del lavoro e sul modo di comunicare con i clienti. Da un lato lo smart working, una grande opportunità per ottimizzare e ridurre i costi. Dall’altro eventi e degustazioni online, nuove occasioni di incontro e scambio fino a qualche anno fa inimmaginabili.

Tutto è ancora nuovo e da migliorare, ma una cosa è certa: la tecnologia rappresenta uno strumento unico per arrivare alle persone ed il mezzo per unire on e off line in un’unica realtà, in cui la vera sfida è mantenere vivo il rapporto umano.   

https://www.facebook.com/smiconsulting/videos/417597119284586

#justsmi 4

La passione per la cucina nasce tra le mure domestiche. Ognuno di noi da il meglio di se tra i propri fornelli, con gli utensili e le ricette tramandate da generazioni, o sperimentate per passione. 
 
Per questo SMI ha rilanciato la sua gara culinaria – justSMI – tra i fornelli di casa.
Il 27/11 è stata lanciata la sfida per realizzare la migliore Amatriciana.

#savethevent_dicembre2020

Dicembre è da sempre un mese speciale e se il mondo offline rallenta, preparandosi a festeggiare un Natale diverso dal solito, quello digitale accelera, continuando a offrire interessanti occasioni di dibattito e confronto. Dai grandi eventi italiani dedicati a startup e innovazione, passando per alcune conferenze internazionali sulle applicazione dell’intelligenza artificiale e l’Internet of things: gli appuntamenti per parlare di futuro e nuove tecnologie non mancano di certo.

Per saperne di più, leggi la nostra selezione degli eventi online più interessanti del mese.

📍 2ND INTERNATIONAL CONFERENCE ON DEEP LEARNING, AI & ROBOTICS  (ICDLAIR 2020)

📆 7-18 dicembre

ICDLAIR 2020 giunge alla sua seconda edizione. L’evento, che si terrà presso l’Università di Salerno, offre a ricercatori e professionisti una piattaforma in cui condividere ricerche e analisi sulle nuove tecnologie e le loro applicazioni nell’ambito del Deep Learning, Robotica e Intelligenza Artificiale. Lo scopo della conferenza è di creare un ponte fra discipline diverse e favorire uno sviluppo unico nella prossima generazione di modelli computazionali per l’intelligenza artificiale. L’evento si terrà online, mentre per partecipare è necessario registrarsi sul sito al seguente link.

📍 MAKER FAIRE 2020

📆 10-13 dicembre

Ottava edizione per la più grande fiera europea dedicata all’innovazione, che quest’anno si trasforma in un evento digitale e completamente gratuito. Oltre 300 stand dei “makers” e 100 conferenze stampa per quattro giorni interamente dedicati all’innovazione e al futuro.  L’evento rappresenta da tempo un vero e proprio punto di riferimento per il settore, oltre che un appuntamento molto importante per le imprese del territorio. Tanti i temi e le aree presenti: dalla robotica, all’intelligenza artificIale, alla sezione Maker Art, con 40 artisti provenienti da tutto il mondo, all’area Maker Music, curata da Alex Braga con artisti anche molto noti. Per partecipare all’evento, basterà registrarsi inserendo la propria mail all’interno del sito web ufficiale.

📍 IOT GRAND SLAM 2020

📆. 11 dicembre

La Internet of Things Conference giunge alla sua tredicesima edizione. L’evento si terrà online e offrirà una panoramica sul rapido cambiamento dei principali scenari guidato dalla diffusione dell’Internet delle cose (IoT). Tantissimi i temi che saranno affrontati: dall’intelligenza artificiale ai Big Data, 5G, blockchain, smart cities, cloud e molto altro ancora. Per partecipare all’evento, sarà necessario registrarsi sul sito ufficiale.

📍 STARTUPITALIA OPEN SUMMIT 2020 – DIGITAL EDITION

📆. 14 dicembre

Seconda edizione per la StartUpItalia Open Summit, uno dei più importanti eventi dedicati all’innovazione e alle startup. Quest’anno la kermesse verterà sulla rivoluzione digitale e sull’impatto che questa trasformazione ha avuto sulle nostre vite negli ultimi mesi. Il digitale rappresenta una grande opportunità da cogliere che, tuttavia, può nascondere anche notevoli rischi e insidie. Questo il tema su cui si incentrerà il dibattito, al quale prenderanno parte imprenditori, startupper, politici, influencer e innovatori. L’appuntamento è con Paolo Barberis, Marco Montemagno e Giampaolo Colletti dalle ore 9, in collaborazione con l’Università Bocconi di Milano. La registrazione all’evento è gratuita e può essere effettuata al seguente link.

📍 WINTER FOCUS 2020 –  BIM&DIGITAL

📆. 1-2-15 dicembre

Tre giornate dedicate all’innovazione e alla trasformazione digitale dell’ambiente costruito. In particolare, l’evento focalizzerà l’attenzione sul tema del BIM e del digitale, mettendo in luce tutte le potenzialità di uno strumento in grado di supportare il processo progettuale e costruttivo e di innovare un settore di per sé tradizionalista e rigido. L’evento, che si terrà online, si concluderà con la premiazione dei partecipanti al BIM&Digital Award 20, concorso internazionale di progettazione e digitalizzazione del processo BIM. Per partecipare all’evento, è necessario registrarsi al seguente link.

#smipeople_Maria Chiara Fibbi

Se non ti sperimenti, vivi una vita al 50%: questo è il mio motto e il filo conduttore che ha guidato la mia vita, soprattutto negli ultimi anni. Sì, perché non sono sempre stata così.
Ho seguito un percorso di studi molto lineare: prima il diploma di maturità classica, poi la laurea in Giurisprudenza, convinta che fosse questa l’unica strada per trovare un lavoro concreto e sicuro. Avevo pianificato quasi ogni cosa, ma la vita era pronta a sconvolgere tutti i miei piani. Per ben 10 anni ho lavorato presso un’azienda che forniva assistenza ai clienti. Poi, però, sono diventata mamma di tre figli e ho dovuto fermare tutto.

È passato un po’ di tempo ma, sulla soglia dei 40 anni, ho dovuto rimettermi in gioco. Ho lavorato come commessa e successivamente come segretaria in uno studio medico. Esperienze che mi hanno certamente arricchito, ma che non erano quello che volevo davvero.

L’incontro con la mia grande opportunità è avvenuto a marzo di quest’anno, quando SMI mi ha proposto un colloquio per una posizione nel Service Desk. A 50 anni compiuti non mi aspettavo certo un’occasione di questo genere. E invece è arrivata e mi ha sorpreso positivamente.

Dopo tanti anni, sono tornata ad occuparmi di assistenza ai clienti, un lavoro che mi piace davvero e che mi permette di esprimere me stessa al 100%. Aiutare gli altri mi rende felice: credo sia la mia vocazione. D’altra parte, tempo fa ho deciso di iscrivermi a un corso di formazione in counseling, una passione che avevo da sempre ma non ero mai riuscita a coltivare e che ora porto tutti i giorni con me, anche a lavoro. Mi piace molto lavorare in team e contribuire alla formazione delle risorse, ma il lavoro non è la sola cosa che riempie la mia vita.

Nel tempo libero dipingo: è un’attività che mi fa sentire libera e che potrei fare per ore senza sentire la stanchezza. Perché, quando fai quello che ami, puoi riuscire davvero in tutto, attingendo a risorse che non pensavi di avere.
È così che mi sento adesso e lo devo anche a SMI. In questa azienda ho trovato quello che cercavo e, soprattutto, un’attenzione unica verso le persone e i loro bisogni. Questo aspetto mi gratifica molto e ora posso dire di essere davvero felice.
D’altra parte, se trovi un lavoro che ti piace, è meglio che vincere alla lotteria!

MARIA CHIARA

#eotf_novembre2020

L’intelligenza artificiale è arrivata anche nel mondo delle ricerche online. L’avvento di Google Home e Alexa Echo Dot e la diffusione crescente dei dispositivi che utilizzano la “voice search” ne sono la dimostrazione. Se questi sistemi di riconoscimento vocale hanno fatto notevoli progressi negli ultimi anni, è infatti proprio merito delle tecnologie introdotte dal mondo della robotica e dell’intelligenza artificiale.

Moltissime persone, ormai, utilizzano la propria voce per le ricerche online o per ottenere risposte precise a domande puntuali, effettuate attraverso i propri assistenti virtuali. La “voice search” risulta infatti più immediata e permette di fare le proprie ricerche senza la necessità di digitare e inserire testo all’interno del motore. Si tratta, quindi, di una soluzione pratica e molto utile se abbiamo le mani o gli occhi occupati, ma vogliamo approfondire gli ingredienti di una ricetta o conoscere gli orari di un negozio. D’altra parte, parlare è molto più semplice che scrivere o, eventualmente, perdere tempo nella ricerca delle “keyword” più adatte per trovare l’informazione giusta.
Per questo motivo, sempre più utenti preferiscono optare per l’utilizzo di comandi vocali ed è facile immaginare che la voice search possa rappresentare, in un futuro non molto lontano, la naturale evoluzione delle ricerche online.

Secondo una ricerca di Pwc, in particolare, il 71% delle persone preferisce effettuare ricerche attraverso la voce piuttosto che digitare le query di ricerca. Uno studio ComScore del 2019, invece, ha evidenziato come il 51% degli acquirenti online negli USA utilizzi la “voice search” per la scelta di prodotti.

Tutto questo porterà sicuramente ad un maggiore investimento nella ricerca vocale da parte di Google. Lo strumento necessita infatti di essere perfezionato e, solo quando riuscirà a restituire risultati più precisi e dettagliati, potrà davvero sostituire la ricerca manuale. Tuttavia, bisogna riconoscere che gli stessi assistenti virtuali hanno già fatto molti progressi rispetto al passato e non è da escludere che l’evoluzione tecnologica possa portare a un’espansione dell’Internet of Things.

Presto molti device che ci circondano potranno essere dotati di un assistente virtuale ed ogni oggetto della nostra casa potrà essere attivato con un semplice comando vocale. L’evoluzione della “voice search” porterà inoltre ad un vero e proprio stravolgimento della SEO, ovvero la disciplina che comprende le tecniche volte a favorire il posizionamento di un sito web nei motori di ricerca. Tutti i contenuti presenti sul web dovranno essere ottimizzati per la ricerca vocale e andranno per questo riorganizzati e strutturati diversamente.

Per maggiori dettagli relativi all’evoluzione della “voice search” e approfondire le sue implicazioni, è possibile leggere l’articolo di Semrush.

https://it.semrush.com/blog/voice-search-il-futuro-della-ricerca-online/

#WiredTrends_SMI tra gli speaker con “La sfida digitale”

Sostenibilità, wellbeing, digital transformation: sono solo alcuni dei temi protagonisti del prossimo “Wired Trends 2021”.

L’evento, nato dalla collaborazione fra Ipsos e Wired Italia, torna anche quest’anno con l’obiettivo di interrogarsi su tutti i principali trend del prossimo futuro. 

Un anno difficile, quello che ci lasciamo alle spalle, e che porta a chiederci quali saranno le sfide che dovremo affrontare nei mesi che verranno.

Fra queste, la trasformazione digitale è certamente quella che sentiamo più vicina e di cui parleremo proprio nel corso della prima giornata, con un intervento del nostro CEO Cesare Pizzuto dal titolo “La sfida digitale”.

L’appuntamento è lunedì 30 alle ore 12.05 in diretta streaming sul sito https://www.wired.it/ oppure sulla pagina Facebook di Wired Italia. 

Per rivedere l’intervento:

https://www.facebook.com/wireditalia/videos/380548826506517/

#savethevent_novembre2020

Novembre porta con sé tante novità per gli appassionati di tecnologia e comunicazione digitale.

La divulgazione e i sistemi di informazione degli ultimi anni, grazie all’uso delle nuove tecnologie, sono cambiati radicalmente.  La chiave per restare al passo con i tempi è l’aggiornamento e la formazione continua.

Se vuoi scoprire di più sui nuovi media e il mondo dell’innovazione, leggi la nostra selezione per il mese di Novembre.

📍 WMF – WEB MARKETING FESTIVAL

📆 19 – 21 Novembre 2020 | Online

Ottava edizione per il Web Marketing Festival, di nuovo in versione online, sicuri di replicare il successo dell’edizione di giugno. L’agenda del WMF di novembre esplorerà l’universo dell’innovazione attraverso eventi di formazione, cultura, intrattenimento, business e networking. In agenda 60 sale formative e oltre 500 speaker da tutto il mondo. Oltre 80 eventi dedicati alla formazione su numerosi temi tra cui eSports, Gaming, Web Marketing, ONP, Cybersecurity, Intelligenza Artificiale, 5G, Robotica, IoT, Circular Economy, Social Media, Open Innovation, Blockchain, Automotive, Aerospace, Cyberbullismo, Sostenibilità, Health Tech, Imprenditorialità ed Editoria, con momenti riservati alla presentazione di libri inediti.

Il programma formativo del WMF di novembre e la possibilità di acquisto del biglietto è disponibile sul sito dell’evento.

📍TEDXSIATTLE

📆 21 Novembre 2020

TEDxSeattle 2020 è uno dei più grandi eventi TEDx al mondo che riunisce diversi relatori, esperti che definiscono il futuro della nostra città e oltre. Per promuovere al meglio la loro missione di portare idee stimolanti, l’evento è completamente gratuito.

Per partecipare basta iscriversi al seguente link.

📍 VMWARE SHAPE YOUR FUTURE

📆 24 Novembre | Online

VMware Shape your Future è l’evento dedicato al futuro della tecnologia e del nostro Paese. L’evento per la prima volta sarà in live streaming, con un format televisivo, trasmesso dagli studi TV Mediaset. Potrai ascoltare gli speech dei migliori esperti delle più importanti aziende tecnologiche, e dei più grandi fornitori di cloud.

Per scoprire quale forma avrà il nostro futuro iscriviti all’evento online.

📍STATI GENERALI DELLA SPACE ECONOMY

📆 25 – 26 Novembre 2020

Gli Stati Generali della Space Economy ti aspettano sul sito e sui canali Facebook e LinkedIn di Forbes. Per la prima volta in Italia i principali player del mondo dell’aerospazio si incontrano per dare vita a quattro tavole rotonde dedicate ai seguenti temi:

  • istituzioni e imprese a confronto,
  • progettualità e concretezza,
  • progetti spaziali,
  • competenze HR.

Per avere un reminder, basta registrarsi qui.

📍INTELLIGENZA ARTIFICIALE E MODELLI ORGANIZZATIVI

📆 25 Novembre 2020

Il prof. Guido Di Fraia, CEO di IULM AI Lab, laboratorio di Intelligenza Artificiale spin-off dell’Università IULM di Milano, in questo webinar GRATUITO parlerà di “Intelligenza Artificiale e modelli organizzativi: processo flessibili per un mondo orientato ai risultati”.

L’adozione dell’AI in azienda richiederà un cambiamento sostanziale di processi e modalità organizzative da programmare in chiave strategica. Inoltre, per garantire la sostenibilità e la competitività del business sarà necessario che l’integrazione dell’IA sia in prima istanza prerogativa dei vertici dell’azienda, che avranno il compito di favorire la comprensione della portata delle sfide e delle opportunità legate a questa tecnologia.

Puoi partecipare collegandoti alla loro pagina Facebook.

📍 STARTUP WEEKEND BARI 2020

📆 27-29 Novembre 2020

Startup Weekend è un format internazionale in cui startupper, developers, marketers, designers e innovatori pieni di talento come te lavoreranno in team per trasformare una semplice idea in una startup in sole 54 ore!

Questa nona edizione di Startup Weekend Bari 2020 sarà differente, infatti si svolgerà online e sarà l’unico appuntamento in Italia!

Puoi avere maggiori informazioni sull’evento e iscriverti al seguente link.